giovedì 1 settembre 2011

RISORGIMENTALINE: ROSA DONATO (1808- 1867)


 Non sempre ci si ricorda che  le prime insurrezioni , che scoppiarono in Europa, nel 1848, furono in Sicilia e più precisamente  a Messina e a  Palermo.  Ad entrambe partecipò  con grande coraggio  la quarantenne Rosa Donato, figlia di un cuoco e moglie di uno stalliere.  A Messina, durante la lunga resistenza contro i borbonici  si distinse, sparando instancabilmente un vecchio cannone arruginito  nella difesa della barricata tra piazza Duomo e  via Primo settembre.  Infine perdute ogni speranza fece saltare una grande cassa di munizioni provocando numerose vittime tra i nemici. Si finse morta e riuscì a salvarsi. Si recò poi a Palermo dove continuò la lotta  come "artigliera" .  Dopo la caduta anche di Palermo venne arrestata e restò in prigione per circa un anno. Negli ultimi anni della sua vita viveva di elemosina, accettandola però solo da studenti, che , si dice, le baciavano  la mano in segno di stima e di rispetto.

Nessun commento:

Posta un commento