domenica 1 maggio 2011

ANARCHICINI: ANARCHICI AMERICANI CONTEMPORANEI: MURRAY BOOKCHIN (1921-2006); PAUL GOODMANN (1911-1972); THE LIVING THEATRE




Murray  Bookchin (1921-2006) nacque nel  Bronx da dei  genitori  immigrati russi rivoluzionari (la madre era un' attivista  dell’IWW).  Espulso giovanissimo dalle fila del Partito Comunista si orientò sempre più verso un socialismo libertario. (cfr. brano)
 Brano da commentare:  “ Prima della formazione dello stato  nazionale,  la”politica” aveva un senso differente  da quello odierno. Significava la gestione degli affari pubblici da parte della popolazione a livello comunitario, affari pubblici che solo dopo diventarono dominio esclusivo di politici e burocrati. La popolazione gestiva la cosa pubblica  in assemblee cittadine dirette “faccia a faccia” ed eleggeva i consigli che eseguivano le decisioni formulate in queste assemblee, che badavano a controllare da vicino le funzioni operative di tali consigli, revocando quei delegati il cui agire era oggetto di pubblica disapprovazione. […] Oggi la “politica” è una cruda tecnica strumentale per mobilitare elettori al fine di ottenere  obiettivi preselezionati […,] I politici trattano la gente da elettorato passivo il cui compito politico  è quello di votare ritualmente per i candidati che provengono dai cosiddetti partiti, non per delegati il cui unico mandato è quello di gestire le politiche formulate e deliberate dai cittadini. I professionisti della gestione statuale vogliono obbedienza, non impegno, distorcendone persino il significato fino a ridurlo ad un atteggiamento da spettatore nel quale il singolo è smarrito nella massa e le masse stesse sono frammentate da atomi isolati, frustrati e impotenti . [..] Se la storia ha mai dimostrato qualcosa (in particolare gli eventi degli ultimi anni) è che lo Stato, lungi dal risultare soltanto uno strumento dell’elite dominante, diviene esso stesso un organismo autonomo che prolifera inesorabile come un cancro […]  Creare lo Stato significa istituzionalizzare il potere sotto forma di una macchina che funziona separatamente dalla popolazione” ( da “Democrazia diretta”)  
Bibliografia: Murray  Bookchin, Democrazia diretta, Eléuthera 1993, p. 8 -11- 15

Nel 1971  Murray Bookchin fondò con altri compagne/i l’Istituto per l’Ecologia Sociale” a Plainfield, Vermont , importante punto di riferimento, ancora oggi, per le ricerche nel campo della teoria sociale, dell’eco-filosofia e delle tecnologie alternative.   (cfr. brano)
Brano da commentare: Ho sempre pensato che ecologia fosse sinonimo di ecologia 
sociale e perciò ho sempre nutrito la convinzione che la stessa idea di dominare la natura derivi dalla dominazione dell'uomo sull'uomo, o dell'uomo sulla donna, del vecchio sul giovane, di un gruppo etnico sull'altro, dello stato sulla società, della burocrazia sull'individuo, così come di una classe economica sull'altra e dei colonizzatori sui colonizzati [...] se non interverremmo modificando anche i rapporti molecolari all'interno della società - e cioé quelli tra uomo e donna, tra adulti e bambini, tra gruppi razziali diversi, tra etero e omosessuali (l'elenco potrebbe continuare a lungo ) - il problema della dominazione resterà immutato anche in una forma sociale " senza classi e senza sfruttamento" [...] Finché durerà la gerarchia e finché la dominazione organizzerà l'umanità in un sistema elitario, l'obiettivo del dominio sulla natura non verrà mai abbandonato  e condurrà inevitabilmente il pianeta all'estinzione ecologica ".   (Murray Bookchin)
Bibliografia : in Murray Bookchinin  Il dibattito su  A      Simone Borselli, rivista anarchica n. 320, ottobre 2006, p.34                                                                                 
                                                                                 

   PAUL GOODMANN (1911-1972) : poeta, drammaturgo,  scrittore, critico letterario,  psicoterapista, anarchico.  Nominato ,dopo la laurea, professore dell’ Università di Chicago venne ben presto licenziato per  avere   difeso la sua omosessualità e,  dichiarando , al tempo stesso,   di essere  bisessuale sin dall’età di 12 anni.   Nel corso della sua esistenza ebbe degli amanti maschi e due mogli. Nel 1951 alcune sue opere furono messe in scena dal Living Theatre. Fu un convinto sostenitore della pedagogia  libertaria di Francisco Ferrer,  di John Dewey  e delle Free University. Negli anni  sessanta fu un importante punto di riferimento per il movimento studentesco americano e delle lotte contro la guerra del Vietnam e per i diritti civili.  Morì  d’infarto  a  61 anni.

Brano da commentare: “ .. Per me il principio primo dell’anarchismo non è la libertà, ma l’autonomia . Poiché intraprendere qualcosa, farlo a modo mio ed essere un artista con le cose concrete è il genere di esperienza che amo, sono restio a farmi dare ordini da autorità esterne, che non conoscono concretamente il problema o i mezzi disponibili. Soprattutto  un comportamento è più elegante, vigoroso e discriminante senza l’intervento di autorità che vanno dall’alto verso il basso, si tratti dello Stato, della collettività, della democrazia, della burocrazia corporativa, delle guardie carcerarie, dei decani universitari, dei piani di studio predeterminarti o della pianificazione centralizzata. […]Questa è una proposizione empirica nella psicologia sociale e penso che l’evidenza sia pesantemente in suo favore.[…] Il potere esterno inibisce la funzionalità interna. Come diceva Aristotele “l’anima si muove da sé […] Desiderare la libertà è certo uno stimolo per il cambiamento politico più forte dell’autonomia . Dubito comunque che sia altrettanto tenace. […]  Il pathos delle  persone oppresse che bramano la libertà è che, se riescono a liberarsi, non sanno che cosa fare. Non essendo  mai stati autonomi, non sanno come affrontare le situazioni e prima che imparino è di solito troppo tardi. Nuovi dirigenti hanno assunto il comando, che possono essere più o meno benevoli e fedeli alla rivoluzione, ma senza alcuna fretta di abdicare” ( articolo del 1972)
Paul Goodman,  Amo la libertà, ma preferisco l’autonomia in Libertaria  gennaio –marzo 2000, anno 2 n. 1 , pp. 94- 95- 96
                                               
LIVING THEATRE:  Questo famoso collettivo teatrale nacque nel 1943 dall’incontro  a New York, di due artisti  JUDITA MALIN, ex allieva di  Erwin Piscator e JULIAN BECK, amico di   Paul Goodman   e di  John Cage . Le linee ispiratrici  di questo “teatro vivente” furono anarchismo,  poesia, teatro politico, pacifismo, teatro orientale, automatismo, ricerca del linguaggio ecc. Arrestati  e processati più volte, nel 1964 partirono in esilio “volontario “ per l’Europa e dettero vita a un teatro” nomade” composto da persone di diversi paesi che vivevano e  lavoravano insieme.  Assai importante fu  nel 1968 la recita di Paradise Now  e la contestazione del festival di  Avignone. 
 
JULIEN BECK

 
JULIEN BECK  ( 1925- 1985). Nato a New York da una famiglia di origine ebraica,  divenne un pittore espressionista astratto e amico di Jackson Pollock.J Appassionato di teatro e in particolare con  il teatro della crudeltà di Antonin Artaud  e quello d’avanguardia di Erwin Piscator ,  fondò insieme alla sua compagna Judith Malina il Living Theatre, che si aprì sempre più  verso ideali  anarchici e non violenti, anche grazie all’influenza  di Paul Goodman e della Beat Generation.  In una prima fase, anni  50,  furono rappresentate, in chiave sperimentale, opere tratte, oltre da Paul Goodman, anche  da Brecht, Cocteau, Gertrude Stein ed altri. Nei primi anni sessanta si avviò invece una seconda fase in cui il Living Theatre , organizzata più come comunità anarchica itinerante che  come compagnia teatrale  tradizionale,  si diffuse in tutto il mondo, e particolarmente in Europa (inclusa l’Italia). Morì per un cancro allo stomaco a sessant’anni. 
Brano da commentare: “ Il centro del nostro lavoro è il concetto della bella Rivoluzione Anarchica Non Violenta. Parliamo delle azioni radicali non violente, delle azioni rivoluzionarie che non continuano a usare il meccanismo violento della  civiltà che vogliamo distruggere. Noi crediamo che la domanda cruciale del nostro tempo  sia “  Come nutrire tutti, come distruggere il capitalismo, come distruggere lo stato senza uccidere nessuno” quindi questo è il centro dell’aspetto filosofico del lavoro del Living Theatre e la vera azione reale del lavoro del Living Theatre… ( Colloquio con Julien Beck  (1969-1970)
 Bibliografia: in Paradise Now a cura di Franco Quadri,  Einaudi, 1970, p. 263
                                                                                    
JUDITH MELINA

JUDITH MALINA. (1926-2015). Nacque a Kiev da un rabbino e un’attrice di teatro. La famiglia si trasferì, quando ancora era bambina,  a New York. Studiò recitazione al Drammatic Workshop di New York fondato e diretto dal famoso registra teatrale tedesco ERWIN PISCATOR. Insieme a Julien Beck, che frequentava anche lui quella scuola, fondarono nel 1947 il Living Theatre, che , lasciandosi dietro alle spalle, il teatro di tipo convenzionale diveniva sempre più una comunità anarchica impegnata a portare in tutto il mondo Dopo la morte di Julien Beck , insieme al suo nuovo marito, Hanon Reznikov , anch’egli attore del Living Theatre dal 1973, ed agli altri componenti del gruppo, continuò a  portare avanti, sino alla sua morte nel 2015 , il suo impegno, come registra teatrale, attrice e scrittrice,  di militante per la pace e i diritti umani, e in particolate per quelli della donne . (cfr. brano)
 Brano da commentare: “ Per  mitologia intendo un concetto fittizio così profondamente radicato nel nostro modo di pensare da avere la qualità di una fede quasi religiosa. I suoi principi fondamentali sono incontestati e sembra qualcosa di eretico contestarli o altrimenti è pensato come “innaturale” o contrario a qualche intrinseca funzione umana il contestarli. Il mito principale è il mito dell’autorità stessa. […] Il mito dell’autorità è sostenuto da tutti gli altri miti della nostra società autoritaria, ma esso fa emergere il fatto amaro che molta gente creda sia  necessaria alla nostra condizione umana il ruolo di una figura  patriarcale di qualche genere  ( da “ Anarchismo e femminismo di Judith Malina (1976 ca.)
 Bibliografia:  in The Living Theatre . Sette meditazioni sul sadomasochismo politico, Edizioni del CDA pp. 73-74
 
HANON REZNIKOV
HANON REZNIKOV (1950-2008) . Condirettore el Living Theatre insieme a Judith Malina, dopo  la morte di Julien Beck nel 1985. Scrisse e diresse numerose produzioni del Living, tra cui Anarchia, And Then The Heavens Closed, The Body of God, Capital Changes, Clearing The Streets, Code Orange Cantata, A Dream Of Water, Enigmas, The Rules of Civility, Utopia e The Zero Method.  Morì a cinquasette anni per una polmonite mentre era in coma farmacologico dopo essere stato colpito da un ictus  (cfr. brano)
Brano da commentare: "I saw Paradise Now when I was 18 in 1968 and I was very turned on by it, I found it very sexy. I discovered extraordinary means of communication that were non-verbal and non-linear, evidently happening between theactors in the performance. This indicated to me very much the sense of there being other possibilities than the  limited, rational, logistic  possibilities we were being told were the only way to go. So my trip with the Theatre really  began with my contact  with them in that year, in '68, when they were doing Paradise Now. I didn't actually startworking with them until  a few years later. But my sense of the event of Paradise Now was one of extraordinary  freedom, and  it seemed like the world was just beginning to figure out how free it could be."  (  parole di Hanon Reznikof in Judith Malina whit Hanon Reznikov)
Bibliografia:  Judith Malina whit Hanon  Reznikof  in www.bigbridge.org/fictwswofford.htm

Nessun commento:

Posta un commento